Progettazione impianti VMC

Hoval mette a vostra disposizione il proprio know how, affiancandovi anche nella progettazione dell'impianto VMC. Scoprite tutti i punti di forza di HomeVent: è l' impianto ideale per la ventilazione meccanica controllata residenziale e non solo, anche in abbinamento al raffrescamento estivo.

Per quanto riguarda la progettazione di un impianto di ventilazione meccanica controllata si fa riferimento alle seguenti norme:

UNI 10339 – 1995
Questa norma fornisce la classificazione degli impianti, i requisiti minimi e i valori delle grandezze di riferimento durante il funzionamento degli stessi. Questa normativa si applica in fase di progettazione di tutti gli impianti aeraulici destinati al benessere delle persone, installati in edifici chiusi.

UNI 15251 – 2008
In questa normativa vengono specificati i parametri di comfort globale (termico, acustico, luminoso e in modo particolare sulla qualità dell’aria). Allo stesso tempo vengono anche forniti diversi spunti per la progettazione sul dimensionamento delle portate d’aria. Viene anche definito che le stanze da letto devono essere munite di bocchette di aria immessa e le zone umide di bocchette di ripresa.

UNI 10339 Prospetto III
Viene definita la portata d’aria esterna in edifici ad uso civile. La portata d’aria esterna o di estrazione per residenze civili a carattere continuativo come soggiorno, camere da letto, bagni, cucina, servizi è stabilita una portata di ca. 40 m3/h a persona (11 x 10 exp -3 m3/s per ogni persona).

UNI 7129
Prescrive la presenza di un’apertura di aereazione e ventilazione nei locali dove sono presenti apparecchi a gas (piani di cottura). L’edizione 2008 della UNI 7129 prende in considerazione la presenza di un impianti di VMC, ipotizzando la possibilità, in certe condizioni, di non realizzare l’apertura di aereazione.
Informazioni importanti per la progettazione di un impianto di ventilazione.